Adriano Celentano, la leggenda vivente

Adriano Celentano, la leggenda vivente

Adriano Celentano è una vera e propria leggenda vivente del mondo dello spettacolo italiano. È cantautore, attore, regista, compositore, sceneggiatore e autore televisivo italiano. Grazie alla sua carriera e ai suoi successi mondiali è considerato uno dei pilastri della musica leggera italiana. Gli viene riconosciuto il merito di avere sempre compreso in anticipo cambiamenti del mondo della musica e del costume, introducendo in Italia nuovi generi musicali.


Adriano Celentano

Adriano Celentano è nato il 6 gennaio 1938 a Milano, al numero 14 della famosa via Gluck, da cui prende nome uno dei suoi brani più famosi: I ragazzi della Via Gluck.

A quindici anni Celentano incomincia a suonare la chitarra e la sua carriera artistica inizia poco dopo. Infatti, il 18 maggio 1957, al Palazzo del Ghiaccio di Milano si svolge il primo Festival Italiano di Rock'n'Roll, in cui Adriano Celentano vi partecipa con l'accompagnamento del complesso musicale dei Rock boys, dei quali fanno parte Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci.

Durante la sua carriera ha pubblicato oltre quaranta album discografici e ha interpretato alcuni tra i brani italiani più noti tra cui: 24mila baciAzzurroPrisencolinensinainciusol, Il tuo bacio è come un rock fino ai più recenti L'emozione non ha voce; Io non so parlar d'amoreEsco di rado e parlo ancora menoMina Celentano.

Celentano, che ha conosciuto il successo ben oltre i confini nazionali, è’ stato uno degli artisti più abili nel comprendere le trasformazioni del mondo della musica, introducendo grandi novità nello panorama musicale italiano.

Nel 1960, Adriano compare in un'importante sequenza della "Dolce Vita" di Federico Fellini, il quale lo vuole a tutti i costi sul set, dopo averlo visto esibirsi dal vivo mentre cantava "Reddy Teddy".

L'anno seguente Adriano parte per il servizio militare, ma riesce ugualmente a partecipare al suo primo Festival di Sanremo con Ventiquattromila baci, in coppia con Little Tony, classificandosi al secondo posto.

Ha partecipato al Festival di Sanremo per cinque volte, vincendolo nel 1970 con Chi non lavora non fa l'amore, in coppia con la moglie Claudia Mori.


Adriano Celentano, chi non lavora non fa l'amore (Sanremo 1970) - Antes14498

Celentano propone per la prima volta nel 1966 una novità assoluta in Europa, ovvero un brano dai contenuti ecologisti: Il ragazzo della via Gluck. La canzone supererà il milione e mezzo di copie vendute ed entrerà nella coscienza collettiva del paese e all'estero e verrà tradotto in oltre 18 lingue.

Un altro grande successo da ricordare è sicuramente l’album Mina & Celentano, uscito nel 1998, in cui due delle voci più apprezzate della musica italiana duettano nello spazio di 10 canzoni. Le copie vendute superano il milione.

Mina e Celentano

Oltre che come cantante, è stato attivo nel cinema come attore, recitando in circa 40 film, e in televisione, dove ha condotto numerosi spettacoli televisivi trasmessi dalla Rai coi quali ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali.

Oggi, superati gli 80 anni, è ancora molto seguito in Italia e all’estero, in particolare nei paesi dell'ex Unione Sovietica, dove lo considerano l'artista e l'uomo "straniero" più amato in assoluto!

di Elena Martinolli       

24 Marzo 2020