La fede nuziale, una storia lunga 3000 anni

La fede nuziale, una storia lunga 3000 anni

La fede nunziale come simbolo d’unione e d’amore eterno è nota a tutti noi, ma forse non tutti né conoscono la storia. Nel corso del tempo, a seconda delle diverse culture, le fedi nuziali hanno assunto signifcati diversi ed oggi vi accompagnerò in un mini viaggio attraverso le tappe che hanno sancito l’evoluzione di questo anello.


La prima testimonianza dello “scambio degli anelli” si trova in antichi rotoli egiziani che risalgono a più di 3.000 anni fa, quando un faraone egiziano donò alla sua amata un anello come simbolo del suo amore per lei. La traduzione dei geroglifici mostra la credenza degli egiziani nell’anello come simbolo d’impegno ed amore eterno: il cerchio infatti non ha né inizio né fine e l’apertura al centro simboleggia una porta verso il futuro.

Nell'Antica Roma invece, lo sposo donava alla sua sposa un anello di ferro, il precursore delle odierne fedi metalliche. Il materiale resistente simboleggiava forza e permanenza. Contrariamente al romanticismo egiziano, a Roma lo sposo usava la fede nuziale per indicare un accordo di proprietà vincolante e l'anello era un pegno d'acquisto della futura sposa. C’è da dire però che, nonostante l’austerità romana, questi anelli erano indossati sul quarto dito della mano sinistra poiché si credeva che nell’anulare corresse una vena che attraversa il corpo e arriva direttamente al cuore: la vena amoris, cioè la “vena dell’amore”.

Successivamente, durante il XVI e XVII secolo, furono molto gettonati gli anelli puzzle, chiamati Gimmel: consistevano in due o più anelli ad incastro, uniti da un perno, in modo che potessero scorrere insieme a formare un unico anello (che simboleggiava l'unione di due vite).

Nel XVII secolo, in Inghilterra e in Francia, le fedi nuziali erano per lo più d'argento e ricoperte di incisioni all'esterno o all'interno con versi sull'amore, speranza e fedeltà. Queste fedi divennero note come anelli poesy (termine per indicare "poesia d'amore"); con l'affermarsi dell'oro, gli anelli poesy furono di fatto dimenticati a favore del metallo e delle pietre preziose più ricche e costose.

In molte culture, tradizionalmente, solo la donna portava la fede nuziale e fu così anche negli Stati Uniti prima della Seconda Guerra mondiale. Durante la guerra, infatti, molti militari decisero di iniziare ad indossare la fede nuziale come segno di impegno e come modo per ricordare le loro mogli mentre erano di stanza all'estero.

Che sia semplice, cosparsa di pietre preziose, o incisa con dettagli intricati (tradizione tramandataci dall’ Art Decò), la fede nuziale rimane uno dei simboli di devozione più potenti al mondo. Nelle pregiate oreficerie italiane si possono trovare molte versioni di fedi nunziali in grado di soddisfare tutti i gusti, dalla sempreverde fede in oro classica per coloro legati alle antiche tradizioni, fino alla fede tricolore per i ferrei sostenitori della nostra Patria. 

di Federica Ballestrin

26 Marzo 2020

Sitografia:
  • americanwedding.com
  • ensorings.com
  • lifehopeandtruth.com