La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Ecco a voi l’oro bianco delle Langhe, il tartufo bianco d’Alba: stiamo parlando del più pregiato tartufo bianco al mondo, originario delle colline del Piemonte, nel nord Italia. Questa è una delle specie di tartufo (Tuber magnatum Pico) più commercializzate in Italia.


Se volete sapere di più sul tartufo, gli abbiamo dedicato un articolo intero! LINK

Al tartufo bianco d’Alba è dedicata la Fiera Internazionale del Tartufo d’Alba, che si svolge ogni anno nella città piemontese di Alba, nel nord Italia: l’edizione numero 89 si è svolta dal 5 ottobre al 24 novembre 2019.

Durante l’evento si tiene nell’area espositiva in centro storico, il Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba ogni sabato e domenica di ottobre e novembre, la più grande esposizione internazionale di tartufi provenienti dalle colline piemontesi Langhe, Roero e Monferrato e dove si può acquistare questa particolare specie di fungo.

Il tartufo bianco d’Alba è caratterizzato da una forma globosa, a volte appiattita e irregolare, di colore giallo pallido o tendente all’ocra e può arrivare addirittura alle dimensioni di una grossa mela. Questa specie si raccoglie dalla tarda estate, nel corso dell’autunno e fino all’inizio dell’inverno nelle colline del paesaggio vitivinicolo di Langhe-Roero e Monferrato, che dal 2014 è Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.


Per le sue caratteristiche e l’ambiente nel quale cresce e si sviluppa, questo fungo non è coltivabile, ma deve essere cercato e trovato nell’ambiente adatto da un trifolao e dal suo fedele cane dal fiuto affinato: questo lo rende un prodotto davvero pregiato. Prima della vendita, i venditori devono sottoporre i tartufi ad un rigoroso protocollo di selezione da parte di una commissione di esperti di analisi sensoriale nominata dal Comune di Alba. Per ogni tartufo idoneo alla vendita, viene consegnato un sacchetto numerato, che dimostra la qualità del tartufo.

Le caratteristiche organolettiche del tartufo sono così peculiari che, in occasione della manifestazione, i giudici di Analisi Sensoriale del Centro Nazionale Studi Tartufo fanno scoprire ai visitatori le qualità del prodotto e ne svelano i segreti attraverso degustazioni olfattive, test sensoriali e prove pratiche.

Inoltre questo prodotto è talmente tanto prezioso che il prezzo all’etto può raggiungere cifre esorbitanti. Durante la 20° edizione dell’Asta mondiale del tartufo bianco d’Alba, un tartufo bianco d’Alba del peso di 1,005 kg è stato conquistato da un imprenditore di Hong Kong per 120.000 euro.

Oltre alla grande esposizione del Mercato, c’è poi l’Alba Truffle Show, ovvero una serie di eventi culturali e gastronomici che celebrano il tartufo, e alla quale partecipano ospiti nazionali internazionali: chef, cuochi, artisti e altre personalità.

Il tartufo bianco d’Alba viene utilizzato nelle preparazioni gastronomiche, solamente a crudo e tagliato a lamelle sottili, soprattutto nelle pietanze tradizionali piemontesi: sulla fonduta, sui tagliolini e sul risotto alla piemontese, su formaggi, sulla carne cruda all’albese, sull’insalata di funghi porcini e uova al tegamino. Questi abbinamenti permettono al tartufo di diventare il protagonista assoluto del piatto, garantendo un’esperienza di sapori irripetibile.

Ci rivediamo nel 2020 per la 90^ edizione della Fiera Internazionale del Tartufo d’Alba, per immergerci ancora una volta nel mondo del tartufo e perderci nei sapori, e negli aromi, di questo prodotto unico al mondo!

www.fieradeltartufo.org

di RIta Pistore

09 Gennaio 2020